WARRIORS RULES

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Inizia con il botto la stagione 2018/2019 targata A.S.D. Warriors Verona Fight Team.
Tre i week end che hanno visto impegnati i nostri guerrieri nei principali eventi nostrani e internazionali.

8 SETTEMBRE.
7 gli atleti presenti al NAGA Italia. Prima edizione sul suolo italico dello storico evento di fama mondiale, di seguito i risultati:
• Coach Damiano Bertoli: Cede il passo al suo avversario per un punto e, soprattutto, per una imprecisa interpretazione di regolamento che penalizza Damiano in fase di takedown. Punti che risulteranno essere determinanti. (1-2) Inoltre, inizialmente, il coach doveva combattere nella categoria Directors (45-49 anni) ma, invece, è stato spostato nella categoria Master (35-40). 46 anni e non aver voglia di smettere, grande Coach!!

• Rama Nicolò: Vince il suo unico incontro nella categoria “Novizi” e porta a casa la medaglia d’oro. Gli permettono di esordire nella “Beginners”, ma deve cedere ai punti a entrambi gli avversari. Bravo Nicolò, grande determinazione e agonismo!!

• Giulia Perazzini: Unico incontro di categoria perso 1-0 per un tentativo di finalizzazione che, secondo il regolamento NAGA, viene premiato, appunto, con punto. Avversaria passiva in guardia chiusa e double overhook per tutto il match. Passività non assegnata ma va bene così, Giulia sarà sicuramente più cattiva la prossima volta.

• De Luca Fabio: Esordio in Classe A, “Expert Division”, per il nostro “Duracell” che passa intelligentemente il primo turno ai punti. Deve cedere, purtroppo, ai punti entrambi gli altri due match dando, però, cuore e anima.

• Vinci Carlo Maria: Esordio anche per Carlo in Classe A. Al primo turno affronta una cintura nera olandese, proiettandola. Gli vengono assegnate 2 passività durante il match e, a tempo scaduto, sul 2-2, gli viene assegnata la sconfitta. Perde per Americana il match valido per il terzo/quarto posto contro un avversario superiore.

• Nicola Meazzo: Esordio con i Warriors Verona per il neoacquisto Nicola che perde entrambi i match ai punti. No problem, tutti insieme miglioreremo e avremo sicuramente risultati migliorI!!

• Avesani Alessandro: Primo match vinto per arm bar a pochi secondi dalla fine anche se il punteggio sul tabellone lo avrebbe, comunque, portato alla vittoria. Perde per ghigliottina e ai punti i seguenti due match.
Con poca preparazione, Ave ha comunque deciso all’ ultimo di partecipare al torneo mantenendo alta e difendendo la bandiera Warriors.

22 SETTEMBRE.
Partecipiamo all’ evento dilettantistico Sport Rock a Peschiera del Garda (VR), presentando due atleti nelle discipline della Kick Boxing e MMA. FULL CONTACT ovviamente.
Di seguito i risultati:

• Andrea Brighenti: Esordio sotto i colori dei guerrieri di Verona per Andrea che domina tutti e tre i round di Kick Boxing mostrando già i primi segnali di cambiamento che l’head coach Damiano e il team sta cercando di trasmettergli.
Continua pressione, change level e pugni in bocca portano in alto il braccio nel nostro vittorioso Andrea.

• Marco Finetti: Ennesimo esordio sotto i colori giallo-neri per l’ormai ex pugile Marco che ha deciso di affidarsi al miglior team di Verona per la sua esperienza nelle Mixed Martial Arts.
Grande cuore e pochi rischi per Marco che costringe l’ arbitro all’ interruzione del match per TKO (pugni in piedi) a metà del secondo round.

29 SETTEMBRE.
Ci siamo.
Arber Murati vs Mihail Cotruta, WWFC 12 Co-Main Event, Kiev Ucraina. 8000 spettatori paganti e, secondo l’Head Coach, “uno degli eventi più grandi e bene organizzati a cui abbia mai partecipato”.
Title Match per la cintura Welterweight contro l’idolo di casa e il suo record 10-1 ma ad Arber poco importa se i book makers lo vedono come sfavorito. A lui i match facili non piacciono, vuole i migliori e sarà il migliore.
Avversario molto forte fisicamente che evita di scambiare in piedi con “Hitman” portando subito a terra il nostro campione che cerca fulmineamente una Heel Hook neutralizzata, non senza impegno, da Cotruta.
Finisce, purtroppo, per TKO alla fine del primo round in favore del moldavo, dopo una serie di ginocchiate e pugni al viso che costringono Arber alla resa. Testimoni riportano, però, un Cotruta livido in faccia e zoppicante a dimostrazione della potenza di Arber, il quale può competere a questi livelli con chiunque.
Match veramente duro per il prodotto di casa Warriors che da quasi 10 anni difende il suo Team in gabbie, ring e tatami dimostrando una fedeltà cieca e una convinzione nei suoi mezzi incredibile. Un passo falso ci può stare, Hitman, d’ altronde, veniva da 7 vittorie in 8 match e merita questi grandi palcoscenici.
Arber ha già la possibilità di rifarsi a breve. Ulteriori notizie verranno divulgate nelle prossime settimane.

Conclusione:
Le abbiamo date e le abbiamo prese, partecipando ai più importanti tornei nazionali e internazionali. Abbiamo affrontato atleti stranieri esperti portando a gareggiare ben 10 atleti, per un totale di 18 incontri, in 3 differenti eventi tra Livorno, Peschiera (VR) e Kiev.
Parlando di internazionalità, riportiamo l’esperienza inglese di Carlo Maria Vinci, Fabio de Luca, Nicolò Rama e Matteo Feder presso la London Shootfighters e la Next Generation Liverpool, al fine di confrontarsi con atleti Cage Warriors, Bellator e UFC. Bagaglio di esperienza che ha confermato agli atleti veronesi le loro potenzialità e la loro capacità di poter stare tra atleti di fama mondiale, guidati sempre dai coach Luca e Damiano Bertoli.
I Warriors Verona stanno crescendo. Ad oggi presentiamo uno squadrone di circa 20 atleti tra professionisti e dilettanti.
Tre eventi in un mese, siamo solo a Settembre e non abbiamo intenzione di fermarci.

FACTA NON VERBA
LET’S GO WARRIORS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *